Radioaktiv Chart: gli album da non perdere, mese per mese, su Radioaktiv.

Radioaktiv Chart è l’hub musicale di chi è alla ricerca di nuova musica, di chi preferisce la qualità alla quantità, di chi ha un occhio attento e critico su tutto ciò che il panorama internazionale ci propone. Ce n’è tanta di musica in giro, ma spesso riuscire a scovare il bello che risiede dietro un artista e ciò che propone è un’ardua impresa.

La musica è amore, ed è proprio da questa passione che nasce l’idea di voler promuovere e valorizzare ciò che ascoltiamo, mettendo tutti sullo stesso piano, senza preconcetti o favori di sorta. Ecco che, così, è nata la Radioaktiv Chart, il modo migliore per restare aggiornato sulle migliori uscite discografiche su base mensile. Non temete, per tutto il resto c’è Radioaktiv!

Ecco la nostra classifica dei migliori 5 album di Dicembre, in ordine di uscita:


Lei, (No) innocence - Innocence Radioaktiv

Artista: Lei, (No) Innocence

Album: Innocence

Data d’uscita: 7 dicembre 2018

Casa discografica:  A Buzz Supreme

Esplicito intento sensuale drammatico per Innocence, lavoro multisfaccettato d’esordio per l’elettronico dark ambient duo bolognese Lei, (No) innocence, formato da Gabriele Chinè Milieri e Giuseppe Cassano. Fonti sonore che si rifanno a suoni ampiamente atmosferici ed analogici, come i destrutturati echi di piano, chitarre, archi, batterie acustiche, field recordings per questo concept uscito lo scorso 7 dicembre 2018.

Ascolta l’album e leggi la recensione QUI.

 


XXL - Puff O’Gigio Radioaktiv

Artista: XXL

Album: Puff O’Gigio

Data d’uscita: 20 dicembre 2018

Casa discografica:  Bad Paintings

Xiu Xiu e Larsen, o XXL, stringono un patto di collaborazione musicale, un patto umoristico, di quell’umorismo tipico del fondatore degli Xiu Xiu Jamie Stewart che si mischia al post-rock scolpito dal quartetto italiano Larsen. Il quarto album, in gran parte strumentale, di XXL, Puff O’Gigio, è uno scontro di tic sperimentali e pulsazioni post-punk, che trascina le bizzarre tendenze di entrambe le band in vividi fotogrammi widescreen.

Ascolta l’album e leggi la recensione QUI.

 


La Rappresentante di Lista - Go Go Diva Radioaktiv

Artista: La Rappresentante di Lista

Album: Go Go Diva

Data d’uscita: 22 dicembre 2018

Casa discografica: Woodworm

L’album, anticipato dal singolo e video di Questo Corpo, è il proseguimento della ricerca avviata con (Per la) Via di Casa e Bu Bu Sad: l’analisi delle contraddizioni, dei sogni, delle paure, delle fragilità, sfocia in un racconto che ha come punto focale la complessità delle relazioni umane. Eleganza disturbante, un lavoro senza sbavature ma niente affatto algido, fradicio di emotività. L’amore fa da padrone e diventa la causa scatenante del tutto: tutto ciò che accade nel mondo è visto come una conseguenza di esso.

Ascolta l’album e leggi la recensione QUI.

 


Hammock - Universalis Radioaktiv

Artista: Hammock

Album: Universalis

Data d’uscita: 29 dicembre 2018

Casa discografica: Hammock Music

Gli Hammock hanno fatto della creazione di un tipo di musica morbida e luminosa un po’ una crociata personale, evocativa di paesaggi naturali dove si respira aria pura. Da delicata promessa post-rock che erano agli inizi del 2000, Marc Byrd e Andrew Thompson si sono distinti nell’ambient moderno per il loro stile elegante, fatto di fusioni tra arrangiamenti orchestrali e minimalismo sfrenato.

Ascolta l’album e leggi la recensione QUI.

 


Lubomyr Melnyk - Fallen Trees Radioaktiv

Artista: Lubomyr Melnyk

Album: Fallen Trees

Data d’uscita: 29 dicembre 2018

Casa discografica: Erased Tapes

Ciò che Lubomyr Melnyk realizza con le sue opere, e con Fallen Trees in particolare, è la sublimazione dell’ascolto musicale, espressione altissima di quel principio che Kandinskij definiva “principio della necessità interiore”. L’efficace contatto con l’anima, che sempre secondo l’artista russo è essa stessa un painoforte con molte corde. Quando Melnyk suona, quell’anima vibra in modi inaspettati, o non vibra affatto, perché Fallen Trees non è un disco per tutte le orecchie. Richiede almeno un briciolo di quell’impegno e quella dedizione che il pianista ha trasfuso nel bianco e nero dei tasti, e non può essere ascoltato distrattamente mentre si fa altro. Ciononostante, la ricompensa è dieci volte più grande dello sforzo. Se vi siete mai chiesti che suono hanno i colori, Fallen Trees potrebbe essere esattamente la risposta che cercate.

Ascolta l’album e leggi la recensione QUI.

 


Appuntamento al prossimo mese con il nuovo numero di Radioaktiv Chart!

Contaminati.



Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!