La natura violenta dei Nitritono

Se sei amante dei suoni violenti e sporchi allora ti consigliamo di continuare a leggere quest’articolo!

Fantomas, Melvins, Zu, Zeus! sono solo alcune delle band “rumorose” che ascolti quotidianamente? Perfetto,  il duo di cui andremo a parlare sarà pane per i tuoi denti.

È l’ora quindi di presentarvi i Nitritono: attivi dal 2012, Luca Lavernicocca (Batteria) e “Sir” Siro Giri (Chitarra), direttamente da Cuneo, suonano veloci, istintivi e senza fronzoli con l’intento di far tremare le ossa dell’ascoltatore.

A tre anni dal primo disco Panta Rei, giunge a noi il 30 ottobre 2020 il nuovo lavoro pubblicato per I Dischi del Minollo, Eremo. L’album, come preannuncia il suo titolo, nasce dalla passione dei due di stare in solitudine in luoghi abbastanza isolati, immersi nella natura più incontaminata.

Nelle sei tracce del disco, i Nitritono, oltre al noise, hanno condensato doom, sludge e psichedelica, ottenendo così un suono particolare difficilmente catalogabile (e devo dire che a noi questa cosa piace molto).

Ma veniamo alle sei tracce di Eremo: ogni brano si lega all’altro partendo dall’iniziale Re di Pietra. Cosa poteva presagire una pioggia di feedback e rumori? Ovviamente una strumentale lunga e dilatata, dalla batteria granitica e dalle chitarre che strizzano l’occhio alla psichedelica. Un riff robusto per una prima traccia brutale. Tempo di lasciarci prendere fiato con Samosche arriva una deflagrazione in pieno volto dal nome di Passo di Terre Nere. Il suono grezzo dei due verte su una ripetizione mantrica della chitarra che in alcune parti addirittura suona come un sintetizzatore e la sincope della batteria, sempre ipnotizzante.

Non mancano all’album momenti più tribali e scarni come Hospitales o lunghe suite cupe come la conclusiva Costa da Morte, una strumentale ossessiva, dalle vorticose parti di chitarra, alla quale si aggiungono i densi droni di Enrico Cerrato in arte Petrolio.

In conclusione Eremo è un disco promosso a pieni voti, tra momenti frenetici ed altri dove intelligentemente i due mettono il piede sul freno. Un lavoro maturo e non scontato per una  formazione dalla forza bruta.




Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!