Gli Yak puntano verso la parte alta della Royal Albert Hall

Quando gli Yak sono sorti per la prima volta alla fine del 2014, sembrava che non avrebbero potuto fare nulla di male. La loro produzione era feroce e i loro spettacoli dal vivo erano esibizioni sconnesse di pandemonio artigianale. 

Ci sono band che passano la loro intera carriera a fare le giuste connessioni… e poi ci sono gli Yak. Anche se sono stati un gruppo da appena mezzo decennio, il trio britannico ha già ammassato un gruppo di mentori, collaboratori e fan famosi abbastanza forti da riempire le fila di un’intera edizione di Desert Daze. Il loro Ep del 2015, è stato pubblicato dalla Third Man Records di Jack White; il loro debutto full-length del 2016, Alas Salvation, è stato registrato con Steve Mackey dei Pulp e gli è valso il tour degli Last Shadow Puppets, la band laterale del cantante degli Arctic Monkeys Alex Turner.

Ora, dopo quasi tre anni dall’uscita di Alas Salvation, Pursuit Of Momentary Happiness prende vita e forma. Singoli come Bellyache e Fried sono familiari per chiunque conosca la band, eppure non sono un lavoro di copia e incolla. Più raffinati e gutturali, con il primo che si fonde in elementi di psicologia nel suo grandioso finale di ottone, gli Yak mostrano il vero intento di far prosperare il loro suono.

White Male Carnivore è simile con le sue chitarre fuzzy infettive, mentre le percussioni di Pay Off vs. The Struggle seguono l’era avviata da Flying Microtonal Banana di King Gizzard e si trasforma in una cacofonia di suoni pungente e squilibrata.

Tuttavia, questa isteria non racchiude nel suo insieme l’espressione Pursuit Of Momentary Happiness, poiché alcuni dei momenti migliori del disco sono quelli in cui la band flirta con ballate più lente. Questo include il suono di un organo stordito del brano che dà il titolo all’album e lo stampo alla Palma Violets di Words Fail Me, che aggiungono una vera risonanza al repertorio della band.

Con This House Has No Living Room, che presenta J. Spaceman degli Spiritualized, gli Yak si dirigono verso la stratosfera e si inchinano dall’alto del LP verso uno splendido paesaggio sonoro tranquillo.

Questo non vuol dire che non ci sono momenti in cui le idee falliscono. Interlude è un gigantesco inno ispirato ai Primal Scream, con enormi sezioni di trombe e una strumentazione entusiasmante, ma che finisce nel nulla. Poi c’è Blinded By The Lies, che sembra più una B-side.

Pursuit Of Momentary Happiness si consolida come un’importante release per Yak. Senza intenzione di vivere con le glorie passate, Burslem e co. sono desiderosi di andare avanti e mostrare le loro capacità.

Con il loro secondo album, questo trio indisciplinato inglese punta verso la parte alta della Royal Albert HallCon questo nuovo album scavano ancora più a fondo per trovare il carbone da usare per il loro treno in fuga.

Un ottovolante che inizia immediatamente con una discesa da sfidare la morte, che ti stai cullando con un coro di risate e gioia, che ti trasporta rapidamente in una trappola psichedelica attraverso un tunnel di favole contorte.




[gs-fb-comments]

Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!