Trionfo o Disastro? Il nuovo album dei We Lost The Sea è sicuramente un Trionfo

Il post-rock  è in formissima e lotta insieme a noi, e la band Australiana We Lost The Sea ne è la rappresentazione tangibile.

Il nuovo album Triumph & Disaster, pubblicato il 4 ottobre 2019 per Bird’s Robe Records / Dunk!records, è il quarto album della band strumentale, e si compone di sette tracce magmatiche, e, come nella solita tradizione del mondo del post-rock, anche super lunghe, Towers aprifila del disco, dipinge scenari ora apocalittici, ora glaciali, condendo in 15 minuti ed oltre, un mix di elementi piuttosto eterogenei tra loro: code immense, echi e riverberi, riff spigolosi, brividi dark-gothic.

Spazio vien concesso anche ad una sorta di Ballads contemporanea, A Beatiful Collapse, dove si intinge il plettro in acqua, facendo spargere goccioline di malinconia e speranza per tutto il tempo del pezzo, dove, solo dopo la lunga intro armonica, si inseriscono elementi elettrici e riverberati del mondo post-metal.

Gli inneschi in repeat più apprezzati sono quelli in levare, quasi a rappresentare dei momenti irraggiungibili, in continuo cambiamento spazio-temporale.

Il bello dei We Lost The Sea è il riuscire a parlare senza mai pronunciare una parola, attraverso strumenti, tempi musicali atipici e corde metalliche vibranti.

Anche questa volta Mark Owen, Matt Harvey, Nathaniel D’Ugo, Mathew Kelly e Kieran Elliott (corrente line up) sono riusciti a esprimersi con disinvoltura magistrale.

The Last Sun si atteggia ad un vero e proprio pezzo post-rock con rimandi al metal. L’inizio in riff circolari crea una piattaforma ideale sulla quale posizionarsi prima di spiccare il volo con assoli acutissimi.

Mother Hymn a sorpresa si apre con una vocalist da soul, accompagnata dal piano e nel prosieguo da chitarre e tromba, un degno finale inaspettato, ma assolutamente meritevole.

Poliedrici, profondi, epici, apocalittici e a sorpresa romantici. Un gruppo che meriterebbe senza alcun dubbio un gradino del podio fra gli album del 2019.




[gs-fb-comments]

Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!