Un senso di libertà e rinnovamento per i Vök

Uscito lo scorso primo marzo In the Dark è il secondo album all’attivo della band dream-pop elettronico islandese Vök; pubblicato con l’etichetta Nettwerk Music Group e realizzato con il produttore britannico James Earp (Lewis Capaldi, Bipolar Sunshine, Fickle Friends).

L’album contiene undici tracce che riconducono a echi rock psichedelici indie e che, pur mantenendo una spensieratezza all’apparenza, conserva al suo interno sottotitoli più dark e testi impegnati, come suggerire che il focus principale è sulle esperienze su cui la vita ci mette alla prova dice Margrét Rán, che ha scritto il disco in collaborazione con Einar Stef.

L’autrice dei testi sottolinea che il modo migliore per spiegare l’album è scorrere dalla prima canzone all’ultima, interpretando il disco intero come una sorta di self-help, in modo da cogliere sensazioni personali ed intime e poter intendere le influenze e le riflessioni personali che l’hanno portata a raccontare tematiche sulle emozioni, desolanti come la paura, la delusione, l’ossessione, la disperazione, e la disonestà, e costruttive come la realizzazione, il sollievo e – in definitiva – il “lasciare andare” con il viaggio che si conclude con Out Of The Dark, fuori dalla spaventosa oscurità.

Dal primo singolo estratto, Autopilot l’atmosfera ambient perlustrativa 100% anglofona e l’arrangiamento ricercato iniziano a comunicare il bisogno di volare, di scollarsi, che consuma inesorabilmente, ma pure la dualità della band, i tratti di ricercatezza e la profondità.

Spezzettato hip hop per Erase You e oscuro risentimento, terapeutico soprattutto per gli autori in quanto si tratta anche dell’album più personale dei Vök fino ad ora, dove Margrét spicca come principale autrice dei testi.

Dance intro, synth beat and loop melody per Spend the Love, è ovviamente uno dei brani più ballabili del disco seppur col seguente messaggio: Comprare la felicità non ti renderà felice, vero?

Ogni brano dell’album in fondo racconta un incontro/scontro tra positivo e negativo, le forze opposte che aspirano ad una risoluzione e questo concetto si realizza proprio con l’ultimo Out of the Dark, mix elettronico che sviluppa un senso di libertà e rinnovamento, perché proseguire è vivere.




[gs-fb-comments]

Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!