Munly & The Lupercalians: alla scoperta delle terre di Lupercalia

Munly J. Munly 32nd alias Jay Munly è uno dei nomi caldi della scena punk D.I.Y. di Denver, 30 anni passati pubblicando con Slim Cessna’s Auto Club, Denver Broncos UK, Munly and the Lee Lewis Harlots fino ad arrivare all’ultimo progetto chiamato Munly & The Lupercalians.

Con quest’ultimo Munly ha pubblicato per Scacunincorporated Kinnery of Lupercalia, il primo album di una trilogia, il racconto sonoro e visivo di una terra apocalittica rasa al suolo.

Otto tracce di un folk cupo e psichedelico incentrate sul suono della chitarra acustica guidano l’ascoltatore in un affascinante e misterioso percorso nelle terre magiche di Lupercalia.

Un ritmo trascinante introduce il singolo Ahmen, la prima traccia del disco. Con l’ingresso del banjo e della voce il brano finisce per diventare una canzone dark, dalle pesanti melodie, in stile Nick Cave, con Munly che prende le sembianze di un predicatore.

Con Döder i nostri prendono una strada diversa, meno folk e più goth rock, con l’insistente ritmo metallico della batteria che sostiene la voce vibrante di Munly. Le melodie pulite della chitarra s’insinuano prepotenti nella mente dell’ascoltatore dando vita ad uno dei brani migliori del disco.

Ancora una volta Munly & The Lupercalians lavorano per stratificazioni formando la trama frenetica di Jehu: i suoni freddi e industriali confluiscono in un refrain gelido cantato a più voci. 

Polpot vanta un giro di basso ossessivo il quale insieme alle percussioni e ai rumori industriali di fondo dona brio alla traccia. Munly offre una delle migliori prove vocali dell’album in una tra le più potenti ed emotive composizioni di Kinnery of Lupercalia.

Munly & The Lupercalians è una band di ottimi musicisti che hanno saputo amalgamare country e folk con goth rock e pot-punk creando un suono interessante in grado di attirare non sono gli appassionati di musica americana. Un album che nel suo valore complessivo va ben oltre la sufficienza.




[gs-fb-comments]

Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!