Il pop di lusso di Elza

Cantante di origini russe che è cresciuta però in Israele, Elza, con questa sua seconda uscita discografica, pubblicata il 2 novembre, che ha per titolo Nothing’s Wrong, mostra di essere artista matura e in grado di insidiare la fama internazionale di sue piu note colleghe.

Musica piacevole e curatissima (la supervisione artistica è stata curata dalla stessa Elza e da Ronen Roth), eleganza e capacità interpretativa, ottimo songwriting (tutte le canzoni del disco, testi e musica, sono state composte da Elza) e una voce dalla timbrica profonda capace di coinvolgere l’ascoltatore sono alcuni degli elementi di riconoscibilità della cantante presenti in questo disco di grande spessore qualitativo.

Elza, peraltro, con questo album dimostra di essere artista e compositrice di grande personalità che può certamente orientarsi verso modelli di canzone e di canto che hanno vocazione ultranazionale. Simple Dreams, Nothing’s Wrong, Stay with Me, Room, Can’t Heal sono tutti brani che ben rappresentano l’indole della cantante israeliana di stanza oggi a Vancouver, Canada. Raffinati, soffusi e forti allo stesso tempo, i vari pezzi del disco si muovono nella direzione di un certo pop di lusso certo non privo delle asperità musicali tipiche della musica rock.

Nothing’s Wrong, peraltro, è apparso alle nostre orecchie semplice, essenziale ma anche, per certi versi, ricchissimo dal punto di vista musicale. Ci sono piaciuti molto gli inserti di violino, viola e violoncello che conferiscono grande musicalità alle canzoni dell’album. Da ascoltare.




[GS-FB-COMMENTS]

Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!