Trovare la pace nella musica di Taz Modi

Il 29 marzo segna la data d’esordio del pianista e compositore Taz Modi.

Reclaimed Goods è un album elegante che arriva per Taz dopo anni di esperienza come pianista nei Submotion Orchestra e del trombettista jazz Matthew Halsall & The Gondwana Orchestra.

In questo disco, uscito per Reclaimed Records, Taz è affiancato da Natalie Purton al violino e alla viola, Liz Hanks e Margit van der Zwan ai violoncelli e Seb Hankins e Jon Scott dietro le pelli.

Come lo stesso Modi ha raccontato, Reclaimed Goods è stato ispirato dal film di Alan Clarke Penda’s Fen nel quale il protagonista, il giovane Stephen, attraverso l’incontro con angeli, demoni e le antiche potenze pagane della Madreterra inglese si ribella contro il mondo moderno e il cammino iniziatico. Non solo, anche il libro di George Monbiot Feral e Waterland di Graham Swift sono tra le tante fonti di ispirazione del disco.

Quello che subito emerge dalle composizioni moderne del pianista è il senso di calma e riflessione che crea la sua musica, in contrapposizione con i tumulti politici ed ecologici che ci ritroviamo a vivere oggi.

Le dodici composizioni sono figlie della musica classica o di compositori attuali come Ludovico Einaudi (Libra e Rewilder ne sono un esempio su tutte); momenti in cui il piano dialoga con gli archi in maniera soave e delicata come accade nella title track. Non mancano composizioni emotivamente forti dove le stringhe elettroniche e le basi ritmiche servono a risaltare l’attore principale del disco, il pianoforte (Time To Practise, Ethical Tourist, Every Saint Has A Past)

Reclaimed Goods è un album dalla fragile bellezza, disarmante e delicato, da lasciare senza fiato. Non di certo un lavoro che spicca per innovazione, ma a Taz Modiva va il merito di saper impressionare nel toccare le corde dell’animo, accarezzarle e mettere in una condizione di quiete, il tutto esplorando le diverse possibilità che può regalare uno strumento come il pianoforte.




[gs-fb-comments]

Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!