Un’azione d’amore per l’Heart of Noise

Love Action è il titolo scelto per l’edizione 2022 di Heart of Noise, festival principalmente incentrato sulla musica elettronica, attivo dal 2011 nella ricerca di tutti quei territori al di fuori dell’estetica mainstream culturale, presentando generi ed impulsi alternativi della scena artistica e musicale contemporanea. Da installazioni sonore nello spazio pubblico, a film e media art, musica e danza, l’approccio alla cultura musicale contemporanea fornisce una varietà di possibili declinazioni performative. In questo contesto, si discute la connessione tra tecnologia, culture musicali e percezioni del presente, si tenta l’emancipazione e la rivalutazione di sottoculture, nicchie e innovazioni, specialmente in luoghi dove la connessione tra differenziazioni sociali, percezioni di generi e strategie di marketing deve diventare visibile.

English

What is the philosophy behind Heart of Noise? Since 2011, how have you kept this festival alive in terms of innovation (year after year) and musical offer (in terms of bands)?

As a student of Philosophy this is quite an irritating question for me. It’s definitely neither physicalism or occasionalism. The philosophy of the Heart of Noise is basically being very pragmatic about what has to be done. We have lost public spaces and we try to reown it. We loose all those diamonds of innovative artists under piles of the mainstreams cultural garbage, we wish to lift them up and make them shine. The work of many artists is hidden behind the walls of magazines, broadcasts and other marketing methods, we try to find them. It is not that commercial successful music is bad per se, as a dj I’ve been playing disco for decades and I love it, but it is bad a lot. If there is an academic genre of philosophy included in our work or even motivating it, it is Hedonism, which unfortunately as a word or a slogan is been misused and abused for a long time. There is a political aspect to hedonism which is always overlooked, it is to act in a way that serves the peoples luck the most. Following this we always try to break the barriers between musical cultures and open new worlds for genre listeners, „decocooning society“ was the name of one of the editions of the Heart of Noise and that’s what it’s all about from a philosophical political point of view. If it’s a hedonistic pleasure it’s all the better.

How important is for you to link local artists with international ones within the same line up? Do you think that this is the proper way to enhance local bands to grow and shine?

Local scenes outside of the main music production hubs in bigger cites are often almost invisible inside of all the noise the mainstream cultures make to sell their products and ideologies. One of the main reasons we started to think about trying a more concentrated format of presentation in comparison to e.g. monthly series with single genre oriented programs was to elevate all these great and hard to see artists via the festival format. We soon additionally started to produce an annual audiophile edition called „The Heart of Noise Vinyl Edition“ to support our local artists. We will release a ten years jubilee edition this year containing all our previous presented artists in a box slightly ironically called „I ♥ Hon“ and we will dedicate a whole day of the festival for their concerts only, what I hope will be quite shiny.

In Italia spesso si propinano per Festival una serie di concerti singoli programmati in date annesse. Qual è il vostro concetto di festival?

This is an important question. When we started, we always talked about a „music weekend“ to make clear that we do not want to enter the league where all the let’s say Heineken and Monsanto monsters are playing. This major festivals are producing boring and inadequate images of what „alternative cultures“ are, they make an annoying noise which overlays all the real and interesting and even enjoyable efforts of all the other worldwide musicians who are not interested in putting the contents of their work under some marketing logics. Personally I always saw our work as the attempt of building a temporary autonomous zone, maybe in the sense of a Hakim Bey, a recapturing of lost public space via art and music. Let’s pray to Hedon, we will stay successful with this.

What’s the perfect recipe for a successful festival? What is needed, besides of music, to attract as many people as possible?

I have to admit that I really do not know. Chris and myself never aimed for some kind of quantifiable success or public attraction as a measure of success. The Festival actually started quite small in a cinema with 100 seats (I believe it was with Fennesz & Lillevan). Both of us are well informed about what’s happening regional and national as well as in international places of cultural production. We were always interested in music offside the mainstream, not because of some decision to be „alternative“, but for a simple reason, we just liked all that insane and intensive stuff. So the „recipe“ for our success was mainly to invest lots and lots of work and investigation to make those almost invisible non mainstream genres visible and hearable for possible new audiences, which, as it fortunately turned out, were actually quite a lot.

Do you think that limited edition’s music (CD, cassettes, vinyl) and merchandising made specifically for a given festival is an incentive to attend to it?

Maybe if you are in a specialized niche where the people are coming for just a single kind of a very specific subculture. Usually those festivals are a great opportunity to make rare to find things available to interested people. Every Year we produce a piece of a limited edition audiophile Vinyl dedicated to the work of some young regional artist. We also encourage the international artists to bring their „merchandise“ with them, but I really do not believe that anybody is coming to a festival to buy merchandise, these are nice extras for the fan and the collector and should be available if possible.

Between the artists you have in your line up, is there anyone you feel the proudest for having been able to confirm as a guest? Why?

Heart of Noise is a Festival who doesn’t look out for some kind of „stars“ or „headliners“. Every Artist invited is somehow special for us and we are happy to bring them to our fine little Festival to Innsbruck. It would not be fair to name just one or two. They are all wonderfull and great Artists, each in a unique way.

Italiano

Qual è la filosofia dietro all’Heart of Noise? Come si fa a mantenere vivo e rinnovare ogni anno un festival attivo ormai dal 2011?

In quanto studente di filosofia, questa domanda è abbastanza irritante. Non si tratta sicuramente né di fisicalismo né di occasionalismo. La filosofia di Heart of Noise è praticamente essere molto pragmatici riguardo ciò che si deve fare. Abbiamo perso spazi pubblici, e stiamo cercando di riappropriarcene. Abbiamo perso delle perle di artisti innovativi sotto cumuli di immondizia culturalmente mainstream. Noi vogliamo prendere questi artisti e farli risplendere. Il lavoro di molti artisti è nascosto dietro le prime pagine dei magazine, trasmissioni e altre tattiche di marketing, e noi cerchiamo di trovarli. Non intendo dire che la musica commerciale e di successo sia intrinsecamente cattiva: sono stato un dj e ho passato moltissima musica disco per decenni e la amo, ma è davvero musica scadente. Se dovessimo associarci ad una corrente filosofica, sicuramente sarebbe l’Edonismo, che purtroppo porta con sé una brutta nomea a causa dell’uso e abuso che se n’è fatto per molto tempo. C’è un concetto politico nell’edonismo che è sempre ignorato, ed è quello di agire in modo da servire la fortuna delle persone al meglio. Sulla scia di questa idea, noi abbiamo sempre cercato di rompere le barriere tra culture musicali ed aprire nuovi mondi per gli ascoltatori. “Decocooning society” (Liberare le società dal proprio bozzolo ndr.) era il nome di una delle edizioni dell’Heart of Noise ed è praticamente il riassunto della nostra visione filosofico-politica. Se si tratta di un piacere edonistico, tanto meglio.

Quanto conta per voi riuscire a connettere artisti locali e internazionali nella line up? Credi che sia il modo giusto per valorizzare e far crescere i giovani del territorio?

Le scene locali che sono lontane dai grandi hub di produzione musicale presenti nelle grandi città sono quasi del tutto invisibili in mezzo a tutto il rumore delle culture mainstream che cercano sempre di vendere i loro prodotti e le loro ideologie. Una delle ragioni principali per le quali abbiamo iniziato a pensare ad un format più concentrato di esibizione, invece di una serie di eventi focalizzati su un particolare genere, era proprio di elevare questi bravissimi artisti (rarissimi da vedere live) attraverso la formula di un festival musicale. Abbiamo poco dopo cominciato a produrre delle edizioni annuali di “The Heart Of Noise Vynil Edition” per supportare gli artisti locali. Quest’anno abbiamo pubblicato una edizione speciale per celebrare i dieci anni contenente tutti gli artisti che abbiamo presentato fino ad ora in un cofanetto chiamato ironicamente “I ♥ Hon” e dedicheremo un giorno intero del festival solo per i loro concerti, e crediamo che sarà un momento topico.

In Italia spesso si propinano per Festival una serie di concerti singoli programmati in date annesse. Qual è il vostro concetto di festival?

Questa è una domanda importante. Quando abbiamo cominciato, abbiamo sempre parlato di “weekend musicale” per rendere chiaro che non volevamo entrare in quel tipo di eventi dove Heineken e Monsanto entrano in gioco. Questi grandi festival non rendono giustizia a ciò che sono le culture alternative, le rendono solo un rumore fastidioso che si intreccia con tutta la scena vera ed interessante, godibile, che purtroppo non sfonda perché non vuole sottostare a determinate logiche di marketing. Personalmente, ho sempre visto il nostro lavoro come il tentativo di creare una zona autonoma temporanea, come una Hakim Bey, una riconquista grazie all’arte e alla musica di uno spazio pubblico perduto. Preghiamo l’edonismo affinché possiamo riuscire a mantenere questo livello di successo.

Quali sono le caratteristiche per un Festival di successo. Cosa bisogna affiancare alla musica per attirare il maggior numero di persone possibili?

Devo ammettere che davvero non lo so. Chris ed io non abbiamo mai puntato ad un tipo di successo quantificabile o un numero di partecipanti come indicatore di successo. Il festival in realtà è iniziato in un piccolo cinema con circa 100 posti (penso fosse con Fennesz & Lillevan). Entrambi siamo ben informati su cosa accade a livello regionale, nazionale ed internazionale per quanto riguarda produzioni culturali. Siamo sempre stati interessati a musica non mainstream, non perché volevamo essere alternativi, ma per una semplice ragione: ci piaceva tutta quella roba un po’ folle ed intensa. Quindi, la recita per il nostro successo è stata semplicemente investire tantissimi sforzi nella ricerca, così da rendere ascoltabili e visibili questi generi quasi invisibili e non mainstream per un pubblico nuovo che, come è fortunatamente successo, ne possa godere a pieno.

Secondo te la possibilità di reperire materiale audio (cd, cassette, vinili) e merchandising esclusivo stampato solo per il Festival è un incentivo per l’ascoltatore a prenderne parte? 

Forse se sei in una nicchia specifica dove le persone vengono solo per un tipo specifico di ricordo ha senso, ma si tratta di una sottocultura specifica. Di solito i festival sono una grande opportunità per rendere raro qualcosa che potrebbe interessare alle persone. Ogni anno produciamo dei vinili in edizione limitata dedicati al lavoro di alcuni artisti regionali. Incoraggiamo anche artisti internazionali a portare il loro merchandising, ma credo che nessuno vada ad un festival per comprare del merchandising, si tratta di piccoli extra per i fan e per i collezionisti, una cosa da avere se possibile insomma.

Tra gli artisti della line up c’è qualcuno di cui vai più fiero di essere riuscito ad averlo e perché?

Heart of Noise è un festival che non cerca la star o l’headliner. Ogni artista invitato è in qualche modo speciale per noi e siamo felici di portarli nel nostro bel piccolo festival di Innsbruck. Non sarebbe giusto nominare solo qualche nome. Sono tutti grandissimi artisti, ognuno unico a suo modo.

 



[gs-fb-comments]

Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!