Sul pianeta Tiamat con i Sothiac& Paul Jolly

In uscita il 1 gennaio 2021 per 33Jazz Records, Tiamat è il nuovo Ep dei Sothiac la band italo-britannica formata da PatMoonchy (voce/synth) e Lucky Liguori (chitarra/gong), in collaborazione con Paul Jolly al clarinetto basso.

Il seguito del mini album Superluna è un lavoro composto da quattro tracce che seguonoil tema visionario della cosmologia sumera perduta: Tiamatcomunemente Phaeton, è un presunto quinto pianeta che una volta esisteva tra Marte e Giove. La sua distruzione, che ha portato alla formazione della cintura di asteroidi, è lo studio principale della Teoria della distruzione.

Posta in apertura dell’Ep, Pleias è un paesaggio sonoro che induce ad uno stato di trance. Un canto straziante quello di PatMoonchy che si staglia su una trama di droni vivacizzati da rumori graffianti e feedback metallici che conferiscono alla traccia un alone di mistero.

Con Psyche gli elementi della prima traccia vengono ripresi e portati all’estremo in contrasto con la parte più morbida ed evocativa data dai fiati di Paul Jolly. Il secondo brano immerge l’ascoltatore in un’atmosfera sinistra tra suoni striscianti e allucinanti. Nella terza traccia, Lunae, il canto della Moonchy diventa inebriante, mentre sullo sfondo la trama sempre cupa è un impasto di vibrati e leggere percussioni che si vanno a sommare ai droni atmosferici in un gioco di contrasti ben riuscito.

Con la titletrack il trio conclude un Ep che oscilla tra i toni gravi del clarinetto, i vocalizzi utilizzati come strumento aggiuntivo e atmosfere inquietanti, il tutto al servizio di trame sonore semplici ma dalla forte componente immaginifica.

Un viaggio alla scoperta di un nuovo pianeta sotto effetto di allucinogeni, un sound tetro e psichedelico, che oscilla tra il nero e il grigio antracite. Tiamat segna per la combo Sothiac / Paul Jolly una intensa esplorazione nei meandri della drone music più cupa, arricchendola di influenze tali da rendere l’Ep un lavoro molto personale e sui generis.

Nota di merito va sicuramente all’artwork dell’Ep realizzato da Lino Budano che impreziosisce Tiamatcon il suo linguaggio figurativo di matrice espressionista.




Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!