Russian Circles, duri e cerebrali come mai finora

I Russian Circles sono tornati in forma smagliante con l’album più heavy della loro carriera. Gnosis, pubblicato tramite Sargent House, è l’ottavo disco del trio di Chicago, mixato dall’inconfondibile Kurt Ballou (Converge). Quaranta minuti di riff brutali e intense parti ritmiche per sette tracce devastanti tra le più pesanti della carriera di Mike Sullivan (chitarra), DaveTurncrant (batteria) e Brian Cook (basso).

Il titolo dell’album deriva da gnosticismo, un insieme di antiche pratiche spirituali e filosofie esoteriche, attraverso le quali gli esseri umani possono intravedere la vera natura del divino.

L’opener Tupilak fa i conti con un andamento lento e metal alla Neurosis, un sound minaccioso caratterizzato dai feroci riff sulle classiche ottave del buon vecchio Sullivan. Mentre le chitarre suonano affilate come rasoi, la batteria è granitica con un suono pesante e minaccioso influenzato dai Cult Of Luna. Un mix d’influenze che creano un’atmosfera irrespirabile, densa di distorsioni dai richiami sludge-metal.

La title track continua sulla traiettoria dei precedenti album, esplorando momenti di calma e tranquillità attraverso una struttura prog: il giusto connubio tra il riff allucinogeno della chitarra con il tono potente del basso e i ritmi selvaggi della batteria per un brano oscuro e viscerale.

Se con la precedente traccia era il basso di Brian Cook a dettare i ritmi, con la successiva Vlastimil il trio torna ad essere guidato dalla chitarra di Sullivan. Una furia dai toni mortiferi per un brano che sconfina nel doom metal col desiderio di sperimentare attraverso sonorità fosche e opprimenti.

Il disco si chiude sulle note melodiche di Bloom attraverso la quale filtra una luce di speranza. L’ultimo brano sembra totalmente staccato dal resto dell’album suonando un pot-rock canonico e trascinando l’ascoltatore in un viaggio edificante.

Gnosis è decisamente tra i dischi più potenti dei Russian Circles, il trio alza ancora una volta l’asticella suonando duri e cerebrali come mai finora.




[gs-fb-comments]

Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!