Musica che altera la mente per Only Now

Captivity è il nuovo Ep di Kush Arora aka Only Now, pubblicato l’11 ottobre 2019 via SOUK Records. Il producer di San Francisco è diventato famoso per il suo eclettismo: la sua musica è un mix di dub e dancehall combinati con elementi techno e industrial con i ritmi africani del kuduro e gqom.

Con questo nuovo lavoro Arora si spinge ancora oltre, parlando di tempo ed esistenza attraverso sfumature black metal e power ambient.

La sua è musica che altera la mente dalla forte potenza psichedelica, un The Bug 2.0 ma più luciferino e macabro.

L’Ep si apre con la title track, una produzione imprevedibile e dai ritmi frenetici che sfrutta le potenzialità del sintetizzatore e multipad Nord Drum 3P introdotto da Only Now nel suo set up. L’atmosfera si fa gelida e cupa, la ritmica in 4/4 disorienta col suo procedere sinuoso, portando avanti il connubio tra tribalismo e techno.

Segue Mutans e le sue percussioni scoppiettanti. La musica di Only Now si basa su una ricetta all’insegna del ritmo con elementi industrial che lo elevano nella seconda traccia a shamano urban. La ritmica rimbalzante di Perpetual Slaughter mantiene invariata l’atmosfera gelida delle tracce precedenti.

Più astratta e influenzata dagli Autechre, Bound 2 è una produzione che sembra uscita direttamente da un disco di casa Hyperdub, glitch ossessivi ed elettronica destrutturata dedita a comporre una delle produzioni più taglienti di tutto l’Ep.

Il finale è affidato al surrealismo e alla spiritualità di Clock Lust con il suono solitario di una campana che rimbomba in un vuoto mesmerico.

Captivity illustra ogni territorio fertile sul quale si muove Only Now, offrendo una veduta a 360 gradi del mondo di Kush Arora. Inoltre l’album ricco di suoni, è un ottimo biglietto da visita per chi vuole approcciarsi alla musica del producer.