L’intoccabile fascino dei Morcheeba

Una libertà lunga trent’anni

Da sempre essere amante sfegatata dei Morcheeba è qualcosa che mi appartiene per una serie di ragioni che vanno dal riconoscere la band inglese tra le più influenti per il mio gusto musicale, fino ad arrivare alla certezza che dopo trent’anni spaccano ancora come ai tempi di Big Calm. 

Il 14 maggio 2021 è uscito Blackest Blue, il loro decimo album, prodotto dalla loro etichetta indipendente Fly Agaric Records, in collaborazione con Kartel Music Group e distribuito da Audioglobe. Un album raffinato e che aggiunge spietatamente ulteriore potenza alla forza spirituale del gruppo. 

Skye Edwards e Ross Godfrey indagano sulle relazioni familiari e di coppia, sull’amore, le difficoltà ma anche la consolazione che offre la cannabis, in tutto condito in pieno stile Morcheeba, tra chillout, elettro pop, soul e downbeat, ovvero un’elettronica molto vicina alla musica ambient, ricca di groove e ritmi intensi. 

Oltre le lezioni di stile che i Morcheeba continuano a dare, i testi di Blackest Blue ci parlano di superamento delle difficoltà e estendono un certo grado di positività, decisamente lontano dalle innumerevoli scritture di questo momento storico. Sì, perché i Morcheeba, come ogni altro artista, a causa della pandemia ha fatto i conti con la creatività in tempi incerti che, spesso, hanno generato riflessioni più deprimenti, passatemi il termine!

La grande spinta comunicativa di questi artisti crea una sorta di ipnosi, mentre si ascolta il disco, in cui è presente la cover di The Moon, brano della cantautrice bosniaca Irena Žilić, che ne aveva scritto un solo verso. Skye ne ha aggiunto un altro in cui ha scritto proprio blackest blue, che è sembrato come il titolo perfetto per questa nuova opera in studio. 

Un mistero lo avvolge, rendendolo intrigante e super sexy, fin dal primo brano Cut My Heart Out, o in pezzi come Sounds Of Blue oppure Sulphur Soul e Oh Oh Yeah. 

Fan sfegatati o meno, sicuramente non si può negare che i Morcheeba conservino un fascino senza tempo, in grado di incantare anche l’ascoltatore più ingenuo e ammaliarlo a tal punto da fargli perdere ogni inibizione e farlo sentire completamente abbandonato e libero!




Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!