Markus Guentner e il suo lavoro più potente, atmosferico e riflessivo fino ad oggi

Masterizzato da Rafael Anton Irisarri, Extropy segna la fine della trilogia legata all’astronomia del compositore tedesco Markus Guentner, avviatanel 2015 con Theia.

La terza uscita A Strangely Isolated Place è una previsione pseudoscientifica sull’espansione della vitache, grazie all’intelligenza umana e alle tecnologie, si diffonderàin modo ordinato in tutto l’universo.

Un’ora di musica ambient suddivisa in sette tracce concepite come imponenti paesaggi sonori resi attraverso l’uso di droni atmosferici e masse armoniche nascoste da una coltre di suono rarefatto.

Un sound sintetico dal forte impatto emotivo caratterizza l’estetica del disco a partire dall’iniziale Nowhere. L’opener nasce dall’incontro tra droni vibranti e sintesi granulare in un modo d’intendere la musica che si accosta alla visione di Tim Hecker e delle sue cattedrali astratte. Una trama noise-ambient pervasa da microvariazioniusate per dare un senso di movimento alla traccia.

Somewhere è un sontuoso crescendo di ronzii e feedback che disegnano l’architettura di una composizione drone-industriale. Un caos controllato di vibrazioni e droni che si traduce in una traccia pervasa da sentimenti di nostalgia e tristezza.

Concept of Credence si muove tra droni inquieti e armonie stratificate, una texture ottenuta attraverso ricami elettronici in un continuo crescendo le cui note si librano nello spazio gonfiandosi e sporcandosi di riverberi. Le sue movenze lente sono enfatizzate dal suono delle campane per una traccia avvolgente e sinuosa.

Una lenta espansione accompagna i droni di Neuromantic: dalle tinte oscure e dai suoni eterei emergono le melodie essenziali del piano dalle quali si sviluppa uno spiraglio di speranza per quella che risulta la traccia più ipnotica e riflessiva del disco.

Here segna la fine per Extropy, una riflessione sul mondo in cui viviamo oggi.Un album che non delude, destinato a diventare un classico per Guentner grazie ad un approccio più puro alla produzione e agli strumenti scelti, risultando  probabilmente il suo lavoro più potente, atmosferico e riflessivo fino ad oggi.




Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!