Kaki King: la tecnica al servizio delle emozioni

A cinque anni da The Neck Is a Bridge to the Body, torna Kaki King con il suo decimo studio album, Modern Yesterdays. In uscita il 23 ottobre 2020 via Cantaloupe Music, il nuovo lavoro discografico della chitarrista e compositrice statunitense è incentrato quasi interamente sulla chitarra acustica, una Ovation Adamas Signature 6-String Acoustic.

Undici brani nati dalla voglia di tornare alla normalità, influenzati dal clima di crisi scaturito dalla pandemia globale. Ne ha risentito fortemente tutto il mood del disco, meditativo ed intimo, musica nata come conforto in attesa di un futuro che ci riporti alla moderna quotidianità.

Tra jazz, folk e blues, le tracce del disco suonano calde e avvolgenti come Default Shell, posta in apertura dell’album. Timbro suadente e quell’approccio percussivo che da sempre hanno contraddistinto la musica di Katherine King. Stavolta alla tavolozza sonora la King aggiunge delle pennellate elettroacustiche che ne fanno un’artista a tutto tondo.

Le note iniziali di Can’t Touch This or That or You or My Face ricordano quelle di The Surface Changes. I suoni aspri lasciano il posto a melodie sognanti e ai giochi d’incastro ritmici che avvicinano questa traccia al mondo del post rock. Le aperture melodiche di Teek con i suoi continui intrecci disegnano una trama eterea frutto del suono cristallino della chitarra acustica. Rhythmic Tiny Sand Ball Patterns esce fuori dagli schemi classici della chitarrista di Atlanta. Come suggerisce il titolo, la King si avvale di pattern ritmici per costruire una traccia dalla forte componente mistica e meditativa. La chitarra si trasforma in una campana tibetana in un rito guidato da Kaki King.

Un gioco di armonici per Lorlir, una traccia dal forte impatto timbrico. Il delicato fingerpicking disegna un’impalcatura sonora carica di pathos e di una forte componente evocativa. Si chiude con i toni caldi della chitarra elettrica di Forms Of Light And Death. Una strumentale blueseggiante accompagnata da parti elettroniche che contribuiscono a rendere il suono ampio e corposo.

Un album fruibile da tutti, in cui la tecnica (fingerpicking e tapping) è al servizio delle emozioni. Tra i migliori album realizzati da Kaki King, Modern Yesterdays è figlio del nostro tempo, un disco che saprà accompagnarci nei mesi a venire e al quale sapremmo difficilmente fare a meno.




Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!