Rift: la voce degli Hugar

Bergur Þórisson e Pétur Jónsson, polistrumentisti, compositori, produttori ma soprattutto amici d’infanzia, sono le due menti del progetto Hugar, fra le realtà islandesi più importanti degli ultimi anni. La terra dei ghiacci ha dato i natali a numerosi artisti, da Bjork ai Sigur Ros, passando per Asgeir e Olafur Arnalds e da questi musicisti gli Hugar sicuramente riprendono una visione immaginifica e quasi cinematografica che sta prepotentemente alla base del proprio sound, un insieme di ambient, post-rock e musica classica.

L’amicizia viscerale che lega i due artisti è sicuramente uno dei punti focali dell’ultimo disco, Rift, in uscita il 21 gennaio 2022 per XXIM Records / Sony, siccome è evidente che entrambi riescano a tramutare in musica le stesse visioni, espresse in un mondo musicale ampio e variegato.

Sin dal primo brano, lost, a dominare è l’accortezza della singola nota, del tocco cadenzato capace di dar vita ad un’atmosfera asettica ma non fredda, elegante ma anche coinvolgente e sviluppata ulteriormente in volt, in cui la fusione fra piano, synth e trombone risulta essere uno dei momenti più efficaci del disco.

Qualche momento di stanchezza si avverte soprattutto nella parte centrale, così densa da far calare leggermente l’attenzione, ma anche in questo caso non mancano alcuni episodi decisamente riusciti, come le aperture ariose di ai e le pulsazioni sotterranee di solaris.

Nel finale c’è spazio per la buona doppietta vi / bless: il primo è pezzo che fa quasi da riassunto di quanto ascoltato precedentemente, fra aperture di classe ed esplosioni in crescendo, mentre il secondo chiude definitivamente l’album giocando di sottrazione.

Rift è un disco che cavalca il filone ormai ben avviato di musica cinematografica, terreno fertile per un connubio fra ambient e classica, ma lo fa con un tocco di riconoscibilità ed intelligenza, non scendendo mai nei clichè del genere. Gli Hugar firmano probabilmente il loro miglior album, sintetizzando quanto di buono avevano fatto precedentemente.




Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!