HLFMN: beats e misticismo

Il nuovo progetto discografico di Paolo Michelini aka HLFMN costituisce un crossover tra sonorità da dancefloor, ambient, filosofie orientali, mitologia dell’Estremo Oriente e epicità scandinava.

Double Mirror nasce dalla volontà di voler unire il materiale/definito con l’immateriale/indefinito, due mondi opposti ma comunicanti fra loro, rappresentati appunto dalla maschera divisa a metà (metà uomo) in quanto è la coscienza umana a fungere da ponte (anche inconsapevole) fra questi due mondi.

Convivono così bassi pompati e ritmiche tribali senza dimenticare la componente dubstepper un suono molto fisico come nella traccia di apertura The Sorcerer. Il risultato è un brano dal suono grosso e grintoso: l’intelaiatura ritmica contaminata dalla techno viene adornata con dub alieni e una bassline claustrofobica che dialoga con le sonorità tribali, ne viene fuori una traccia epica e ancestrale.

A seguire i bassi pulsanti di Faith trascinano l’iniziale malinconia in territori occupati da materia sonora destrutturata e ricostruita per condurre l’ascoltatore in un mondo ipnotico fatto di campioni vocali, cassa dritta e riverberi, perché come dichiarò Antonella Ruggiero «La fede come l’arte è dono che va accolto».

Con Tunnel cambiano le carte in tavola:sonorità più dilatate e rarefatte con la ritmica sullo sfondo marcatamente dub creano un’atmosfera densa che avvolge un tessuto sonoro soffocante che rispecchia tanto la dubstep quanto il Bristol sound.

Synth sfavillanti , vocine femminili e ritmica incessante fanno di My HeartIs Full Of Love (Believe Me) una produzione tutta da ballare. La quinta traccia potrebbe essere il trampolino di lancio verso il grande pubblico grazie a suoni plasticosi e un beat irrefrenabile che la candida ad essere una hit.

Yang mette in mostra il lato più luminoso della musica di Michelini, l’unione tra lo Yin e lo Yang è dato proprio dalla fusione tra la  cortina densa di strumenti orientali  e il beat sintetico, sul finale il tutto è accompagnato dalle distorsioni della chitarra.

Double Mirror è la miglior prova finora realizzata da HLFMN, un album maturo, ricco d’influenze in grado di spaziare con disinvoltura tra generi diversi suonando comunque omogeneo. La giusta quadra tra beats e misticismo.




[gs-fb-comments]

Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!