Hayden Calnin: il segreto per essere umani

Originario di Melbourne,  Hayden Calnin è un cantautore e produttore australiano che fonde l’elettronica con il folk. Spesso paragonato ad artisti del calibro di Bon Iver e Tom Odell, il 29enne australiano ha pubblicato il 10 settembre 2021 il nuovo album What It Means To Be Human.

English

Alan Watts in The secret of life states: “You see, this is the real secret of life: be totally involved in what you’re doing, here and now. And instead of calling this a job, he realized that this is like a game”. You made “What it means to be human” with the same leitmotiv described by Alan Watts?

Not quite. I love Alan Watts, I’ve read almost everything he ever wrote or spoke and was a true philosopher of his time but I don’t always agree with his outlook, especially in this modern world. Life isn’t a game for me, though there are lessons to be learnt so in some regards it holds some traits to a game. If we are on the philosopher topic, I would compare this albums message similar to that of Albert Camus’ outlook of absurdism. Life has no meaning, so you need to make your own.

From politics to religion, What it means to be human is an album that talks about sensitive and important topics. How did you manage to merge meaningful and deep lyrics with a type of music that is delicate and never “dark”?

I have no idea, but I am glad that is how it came across. Lyric writing for me is always the hardest part. You don’t want to say too much, ever. Less is always more so the listener can make their own meanings out of what is being said and allows them to attach it to their own life. I try to stay as casual in my writing as possible. When things are too wordy or trying to be too clever, I always get lost and lose interest in a song, so I try to avoid that. The themes do range from one side of humanity to the other, but in the end they are all people songs about people things and I think that’s why it works.

Politicians is a call to arms for people to wake up, an invite to start a discussion that was born from your frustration against the political situation in your country. Do you think that music is the right tool to wake people’s consciences, especially when it seems that those people are sleeping? Is music merely an artistic expression or should it be considered as something with a social and political value?

It’s not my goal to call people to arms, but to merely say the systems we have in place aren’t working. They benefit a select few types of people and leave the rest out struggling. I think as a species we are better than this and we can treat people with the same respect and equality as each other. Anyone can disagree with this statement, but from where I stand, and I acknowledge that it is a privileged position, it feels wrong and needed to be expressed. For me, I express myself through music, and no matter what you do, you have a means to speak your mind and start discussions. I didn’t write a song to change the world, I wrote a song on my own personal look on the political structure vs the people, and how no matter where you are around the world there is divide between leader and people.

The title track was composed during lockdown, reason why it is such a deep and reflective song, which we see like a perfect fit for small venues, where you can be very close with the parterre and the public. In your opinion, where music “sounds” better, in small clubs or in big open stages?

Both have their time and place. Small shows can stay with you for a lifetime, but big shows can impact you on a whole other level and you can feel like you are part of something bigger, at least for a moment.… I’ve played concerts to 10 people and played concerts to 10000 people, and honestly there is no comparison that needs to be made as to which ‘sounds’ better. Both sound great, but very, very different.

You’ve been compared to Bon Iver, James Blake and Tom Odell. Are those compliments something that flatters you does it bother you? Have those artists influenced your music/career?

Flatters for sure. They are all incredible artists which have and still do inspire me today. I’ve been listening and following Justin Vernon’s musical worlds since the early 00’s and even now he still continues to surprise me with his music and projects. Constantly being compared to him perhaps used to annoy me because it came up so much, but now I think it is just awesome. Being compared to a songwriter like him is better than any review I have ever had.

James Blake is a wizard at his craft and his voice sounds so heavenly so how could I not take that as a compliment also? My mum put me onto Blakes music well before the world opened their arms to him, which I always thought was cool.

Tom Odell is taking a new approach to pop, and I like to think I am trying to do the same, just on a smaller scale. I was lucky enough to tour with Tom in Australia a few years ago, and then also again in Germany a while after. He is a very giving musician, who caters and cares for his fans and music, and I feel I have learnt a lot off of him through observing that first hand.

There are a lot of featuring in your album. Who is the artist you dream about collaborating with?

Too many to mention. I’d love to spend a year fully committed to collaborating on songs with others. One thing this pandemic has taught me is that I have definitely taken collaboration for granted and its important to let people into your artistry. Dream collaboration would be with a company, not a musician, to be honest. I’d love to team up with Spitfire Audio and create a sample library of my own to share with musicians and producers around the world. Fingers crossed that one day happens. I’d love to sample my Nans Piano, an organ I use in almost everything, and a few old instruments I always use throughout my music that just sit there mostly unused outside of my studio. I’d love to share their sounds with the world.

What is the role of art and artists in a society where the meaning of human being is often forgotten?

That one I can’t answer for everyone, but I can answer that for myself. For me, my role is to provide a safe space to come and escape, to close your eyes and think whatever it is that comes to your mind. To relate it back on yourself. I want my music to feel meditative, rather than make you want to go hit the dance floor, it’s thinking music rather than for the clubs. My role as an artist is to provide a piece of my mind to an audience and connect it to those that feel the pull of it. I’ve already achieved more than I ever set out to do with it, but it is the constant reach from people getting in contact telling me stories about how my music has helped them through something that keeps me going, and also my continued love towards music as an art form.

Art, in a general term, is about as human as it can get. It is everywhere, we all do it in our own way. It is in some respects the most human of all our traits. We are creative, expressive and artistic by nature and design and as soon as people start to realise that, the world will be a little better. Art is everywhere and in everything, that’s what I’m really trying to say here.

Do you have a message, apart from the ones that you shared with your music, that you would like to share to mankind?

Be kind to each other, don’t judge anything by your first encounter and look up to the sky more, you’ll be amazed at what you see and how you feel.

Italiano

Ne Il segreto della vita Alan Watts scrive «Vedi questo è il vero segreto della vita: essere completamente coinvolto con quello che stai facendo nel qui e ora. E invece di chiamarlo lavorare realizza che questo è giocare». Hai realizzato What It Means To Be Human con lo stesso modo di Watts di concepire la vita?

Non del tutto. Io adoro Alan Watts, ho letto quasi tutto quello che ha scritto o detto ed era un vero filosofo del suo tempo, ma non sempre ero d’accordo con I suoi concetti, in particolare in questo mondo moderno. La vita non è un gioco per me, ma d’altro canto gli insegnamenti che ricevi sono più o meno come un gioco. Se rimaniamo in ambito filosoico, io paragonerei il messaggio di quest’album alla visione di Albert Camus sulla filosofia dell’assurdo. La vita non ha un senso, quindi devi crearne uno.

Dalla politica alla religione, What It Means To Be Human è un album che tocca temi importanti. Come sei riuscito a unire testi impegnati con una musica leggera mai del tutto cupa?

Non ne ho idea, ma sono felice che questo sia il modo in cui l’album sia stato percepito. Scrivere testi per me è sempre stata la parte più difficile. Non vuoi mai dire troppe cose. “Less is more” (Meno è meglio ndr.) e l’ascoltatore può immaginare possibili significati ascoltando ciò che viene cantato e dà la possibilità di collegare quella musica alla propria vita. Cerco di essere molto casual nei miei testi, se possibile. Quando ci sono troppe parole oppure sento un discorso un po’ troppo intellettuale, mi perdo nelle parole e perdo interesse nella canzone stessa, quindi cerco di evitare. Le tematiche vanno da un estremo all’altro dell’umanità, ma alla fine sono tutte canzoni che parlano di persone, e penso che questo sia il motivo per il quale funzionano.

Politicians è un invito alla popolazione a svegliarsi, uno stimolo alla discussione nato dalla tua frustrazione nei confronti del clima politico del tuo Paese. Pensi che la musica sia il giusto mezzo per risvegliare la coscienza di un popolo dormiente? La musica è solo un’espressione artistica o, in quanto arte, dovrebbe avere anche una valenza sociale e politica?

Il mio obiettivo non è far partire una rivolta, ma semplicemente far capire che i grandi sistemi non stanno funzionando. Sono poche le persone che sono benestanti mentre il resto del mondo soffre. Penso che siamo una specie capace di molto meglio e possiamo trattare e tutti con rispetto ed uguaglianza. Chiunque può non essere d’accordo con quanto ho detto, ma dal mio punto di vista, e mi rendo conto che è una posizione privilegiata, tutto questo mi fa stare male e credo che fosse importante esprimere questi concetti. Per me, la musica è la mia forma di espressione, e non importa ciò che fai, si tratta sempre di uno strumento utile per esprimersi liberamente e far partire un confronto. Non ho scritto una canzone per cambiare il mondo, ho scritto una canzone sulla mia personale visione della politica contro le persone e su come ci sia in qualsiasi parte del mondo una divisione tra leader e persone normali.

La title track nasce durante il lockdown ed è per questo che il suo animo riflessivo ed intimo sembra adatto a rimanere legato a delle situazioni da piccoli club, nei quali sei a stretto contatto con il pubblico. Secondo te la tua musica rende meglio nei piccoli club o quando suoni su grandi parchi all’aperto?

Entrambe le situazioni hanno i loro pro. I concerti nei piccoli club possono essere momenti che rimarranno con te per sempre, ma l’emozione di un grande palco ti colpisce i modo differente, capisci che sei parte di qualcosa di gigante, almeno per un momento. Ho suonato davanti a 10 e 10000 persone, e onestamente non c’è una differenza che mi faccia dire che un concerto sia stato migliore di un altro. Grandi esperienze, emozioni diverse.

Spesso sei stato accostato a Bon Iver, James Blake e Tom Odell. Questi paragoni ti lusingano o ti infastidiscono? In cosa ti hanno influenzato questi tre artisti?

Sicuramente sono lusignato. Sono artisti incredibili che ancora oggi sono fonte di ispirazione per me. Seguo Justin Vernon dall’inizio degli anni 2000 e ancora oggi mi sorprende con la sua musica e i suoi progetti. A volte mi annoia essere paragonato a lui così tante volte perchè me lo dicono tutti, però ora come ora penso che sia una cosa fantastica. Essere paragonato ad un artista come lui è un complimento migliore di qualsiasi recensione abbia mai ricevuto.

James Blake è un mago e la sua voce suona così paradisiaca che non c’è modo di non intendere questo paragone come un complimento. Mia mamma mi faceva ascoltare James Blake prima che diventasse il fenomeno mondiale che è oggi, e penso che sia una cosa molto cool.

Tom Odell sta portando avanti questo nuovo tipo di approccio alla musica pop, e mi piace pensare che anche io stia facendo una cosa simile, ma in piccolo. Ho avuto la fortuna di fare un tour con lui in Australia qualche anno fa, e dopo qualche tempo anche in Germania. Si tratta di un grande artista, che si prende cura della sua musica e dei suoi fan, e credo di aver imparato molto da lui osservandolo in prima persona.

Nel tuo album non ci sono collaborazioni, hai qualche artista col quale ti piacerebbe collaborare come sogno nel cassetto?

Ne ho decisamente troppi. Mi piacerebbe passare un anno solo a fare collaborazioni con altri artisti. Una cosa che ho imparato durante la pandemia è che ho dato per scontato tante collaborazioni, ed è importante condividere il tuo lato artistico con le persone. La mia collaborazione dei sogni è con una compagnia, piuttosto che con un musicista, ad essere onesto. Vorrei lavorare con Spitfire Audio e creare una libreria di campionamenti da condividere con musicisti e produttori in tutto il mondo. Incrociamo le dita e magari questo succederà un giorno. Vorrei campionare il mio Nans iano, un organo che uso praticamente sempre, e alcuni vecchi strumenti che sono lì nel mio studio in attesa di essere usati anche fuori. Mi farebbe piacere condividere i loro suoni con il mondo.

Che ruolo riveste l’arte e l’artista in una società che spesso dimentica cosa significa essere umani?

Non posso rispondere a questa domanda a nome di tutti, ma posso dare la mia opinione. Secondo me, il mio ruolo è quello di offrire uno spazio sicuro dove andare e fuggire, dove puoi chiudere gli occhi e pensare a qualsiasi cosa che ti viene in mente. Uno spazio dove ti riconnetti con te stesso. Voglio che la mia musica sia meditativa, non voglio fare musica che ti faccia ballare, la mia è musica per pensare piuttosto che musica da ballare. Il mio ruolo come artista è offrire al pubblico un pezzo della mia mente con cui le persone sentono un tipo di legame. Penso di aver fatto già molto di più di quello che immaginavo, ma ciò che mi fa andare avanti è sentire storie di persone che mi contattano per dirmi come la mia musica li abbia aiutati a superare qualcosa di difficile. Il mio è un amore continuo verso la musica intesa come forma d’arte.

Non esiste una cosa più umana dell’arte. Si trova ovunque, e ognuno la fa a modo proprio. In un certo senso è la cosa che ci rende più umani. Siamo creativi, espressivi e artisti di natura e non appena tutti si renderanno conto di questa cosa, il mondo sarà un posto migliore. L’arte è ovunque ed in ogni cosa, questo è quello che intendo dire.

Prima di salutarci, hai un messaggio, oltre quelli che hai già mandato con la tua musica, che vuoi lasciare per il genere umano?

Siate gentili gli uni con gli altri, non giudicate un libro dalla copertina e guardate più spesso in alto verso il cielo, sarete meravigliati da ciò che vedrete e da come vi sentirete.

Leggi la recensione dell’album What It Means To Be Human  (QUI)



Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!