Ginevra Nervi dà voce ai suoi sentimenti ed umori

Classe 1994, Ginevra Nervi è tra i nomi più caldi dell’attuale scena elettronica italiana. La sua musica intimista, forte dell’esperienza come compositrice di colonne sonore, si avvale di una grande forza narrativa. L’uso di trame elettroniche contemplative ed ipnotiche le ha permesso di valorizzare la sua voce che diventa così il punto di forza nelle sue produzioni.

Klastos segna così l’inizio di nuovo capitolo nel percorso artistico della Nervi. L’Ep, pubblicato il 23 aprile 2021, mixato e prodotto da Maurizio Borgna, si compone di quattro tracce eteree, un incrocio tra moderna elettronica e misticismo che incorniciano la voce ammaliante della cantante genovese.

Klastos è il nome scientifico delle rocce sedimentarie, l’Ep è una sorta di cosmo formato da elementi diversi che la Nervi ha accumulato negli anni, connessi insieme al fine di ottenere una miscela omogenea e organica.

In apertura Changing si muove tra elettronica e synth pop. Un’atmosfera  glaciale stemperata dalla voce di Ginevra. Una produzione avvolgente e stratificata, un collage di modulari, arpeggiatori e drum machine creano uno scenario sci-fi per un’elettronica ornata di wave. Annihilation ruota attorno alla voce armonica della Nervi, un canto liberatorio per esorcizzare le paure e le ferite. Tra improvvisi momenti di quiete, impennate e boati industriali la traccia si colloca a metà strada tra Arca e Bjork.

Il suono morbido del piano introduce l’atmosfera rarefatta di Gaslighting con la voce che traccia un sentiero oscuro sulla base sintetica. Un nervoso mantello elettronico protegge il suono suadente della voce, spesso plasmata per darle un effetto robotico. L’intenso beat incornicia la produzione crepuscolare, una canzone sospesa con un tocco di classe superiore rispetto alle due tracce precedenti.

L’Ep si chiude con Dune, un’affascinante cavalcata elettronica carica di tensione e suoni materici. Ancora una volta è facile il paragone con l’islandese Bjork, la voce emozionante della Nervi trova riflesso in una strumentale da suoni scuri e atmosferici, unatexture ambient frastagliata e un beat profondo per una canzone circolare che potrebbe andare avanti all’infinito.

Ancora una volta Ginevra Nervi si conferma un talento cristallino: Klastos è un lavoro maturo, dal gusto raffinato che si avvale di architetture sperimentali  tra elettronica e avant-pop al servizio di una voce fragile ed elegante.




Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!