Handles, il biglietto da visita per Drexler

Drexler si presenta al pubblico con Handles, il debut album pubblicato il 17 luglio 2020 via Rhodium.

Vive a Londra Adrian Leung (vero nome di Drexler), compositore e produttore di Sydney, di origine cinese. Le sue composizioni nascono dalla passione per la musica classica e il modern classic, come le sue origini, anche la sua musica, dal taglio cinematografico, è un concentrato d’influenze: dal folk alla musica ambient con elementi indie.

Musica libera, nata senza alcuno scopo e senza alcuna direzione, ispirata ai nuovi inizi, all’idea di rinascita, è questo il concept dietro le nove tracce di Handles. C’e spazio a stringhe delicate di pianoforte, percussioni non invasive e un accompagnamento di archi (Lightness) che fa della musica da camera di Drexler un’avvolgente suite destinata a lasciare le quattro mura domestiche per espandersi in un trionfo orchestrale. Una quiete post minimale alla Nils Frahm introduce Ghosts Have Arrived: il piano è pervaso da stracci di malinconia sottolineati dalla presenza degli archi, gli unici elementi che arricchiscono il brano. Le corde pizzicate, le chitarre e le percussioni leggere utilizzate per dar colore alla traccia in Blossoms, uno dei singoli che hanno anticipato l’uscita del disco, dipingono un paesaggio sonoro malinconico e delicato tra ambient e folk, un lento sobbalzare che si conclude con un avvolgente suono di archi. Con le note ovattate del piano si apre Ivory Tape, una complessa trama che cuce insieme tutti gli elementi presenti nel disco: piano e archi sono le colonne portanti di una struttura sorretta dalle pulsazioni elettroniche. Nella coda del brano uno spazio importante è lasciato alla chitarra d’impronta post rock.

Prendono forma le emozioni con Wollondilly Nights, accompagnati dai field recording, il piano e gli archi si corteggiano tra carezze melodiche e abbracci sontuosi, la perfetta conclusione di un album che riesce a smuovere dentro.

Drexler è un artista che sicuramente fará strada, dal primo lavoro viene fuori tutta la sua maturità artistica e quella voglia di lasciare un segno con la musica.

Consigliato ai fan di Niklas Paschburg, Ólafur Arnalds, Dustin O’Halloran, Jóhann Jóhannsson e Ludovico Einaudi.




Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!