Tracoma: l’incontro fra la frenesia dei Nadsat e le atmosfere degli Ornaments

Da una parte il duo math Nadsat, reduce dall’interessante Feral (2019), dall’altra Davide Gherardi ed Enrico Baraldi degli Ornaments, band che da oltre dieci anni porta in alto il nome del post/atmospheric sludge metal in Italia.

Il progetto Collars nasce nel 2018, quando l’obiettivo comune diventa quello di trovare il collegamento fra questi due mondi, tanto frenetico e schizzato il primo quanto atmosferico e nebuloso il secondo.

La prova vera e propria di questo sodalizio è Tracoma, in uscita il 25 settembre 2020 per Karma Conspiracy Records, che sin dal primo ascolto evidenzia la ricerca musicale di questi due anni.

Uno scambio reciproco di idee evidente sin dal primo brano, Osmio: sei minuti abbondanti che partono a razzo fra chitarre angolari e ritmi frenetici, in grado di dilatarsi e contorcersi lungo l’intero brano.

Vertebra segue il percorso inverso, con un inizio riflessivo pronto ad esplodere dopo pochi minuti in una devastante cavalcata post-metal, così come Livido, un climax dall’impatto sonoro tanto notevole quanto finemente intrecciato nelle sue trame riverberate.

Cumuli vive di un’accesa aggressività tipicamente math, in netto contrasto con i brani precedenti, per poi tornare su coordinate più introspettive, mentre Lautreamont, in chiusura, non tira mai il freno a mano nella sua intera durata, in quello che è a tutti gli effetti un finale a dir poco esplosivo.

Complessivamente, Tracoma è un esperimento riuscito, in grado di trovare una quadratura interessante nella sua proposta a metà strada fra due stili musicali apparentemente differenti, ma sapientemente legati fra loro.

Un lavoro strumentale sicuramente difficile e non per tutti, complice anche qualche episodio tirato un po’ troppo per le lunghe, ma che non va sicuramente ad intaccare la qualità complessiva.

Ai Collars va anche il merito di proporre un sound senza compromessi, in un mercato difficile come quello italiano, dove esperimenti simili, purtroppo, vengono raramente valorizzati.




Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!