Hatching Under the Stars, il parallelo universo gotico di Clara Engel

Hatching Under the Stars, è una raccolta autoprodotta di nove canzoni della canadese Clara Engel, un racconto notturno folk e blues costruito in ampi cicli e impaginato in una sensibilità sperimentale.

Il canto seducente e a tratti austero di Clara narra di paesaggi surrealisti e animali notturni; dal gatto nero che aspetta il treno alla piccola volpe blu dagli occhi color ambra, talpe cieche e piccoli alligatori: tutto si muove in una continua tensione tra il crepuscolo e le prime luci dell’alba.

Un immaginario universo parallelo dai tratti gotici, che si declina anche nel riferimento all’immaginario equino da sogno di Marc Chagall nel brano Preserved In Ice (for marc Chagall).

Alla chitarra le si accompagnano sapientemente violino, glockenspiel, armonica, pianoforte, fisarmonica, clarinetto; questi sono solo alcuni degli strumenti presenti. Tutto è ben posizionato e utilizzato ad arte. L’arpa celtica in Oiseau Rebelle è sottile ma innegabilmente coinvolgente, e i vortici creati dalla chitarra elettrica di Old Fathered Devil sono colori di rara bellezza.

Le influenze sono chiare, e ci senti dentro Leonard Cohen, Nick Drake, Feist ma Clara lo fa con un piglio diverso, come se fosse l’unica in grado di camminare tra gli incubi, e affrontare le paure trasformandole in alleati.

Il racconto crepuscolare trova le sue battute finali negli otto minuti di The Indifference Of Fire, mistero e pragmatismo che girano attorno ad una chitarra pizzicata che lentamente incontra una linea di synth.

What happens now? The mystery will carry on without me




Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!