Vamos a bailar!

Un tuffo negli anni ’90 con i BNDT72, nella Chicago del pioniere Dj Rashad, con The Lost Ep si torna a ballare. Le sei tracce, in uscita in digitale il 28 maggio per la milanese Beat Machine Records, rendono omaggio al footwork, nato nei club della città dell’Illinois e legato alle battle di danza.

Lo stile del duo francese si contraddistingue per le intricate tessiture ritmiche, influenze soul e R&b, una buona dose di Uk Garage e tanta voglia di far ballare.

Ascoltando le camaleontiche produzioni dell’Ep si è subito catturati dall’energia e da quella voglia di divertirsi e far muovere i piedi sui ritmi sincopati del footwork, un ritorno ai colorati nineties.

In apertura siamo accolti dai suoni fluidi di Lost, una drum machine pulsante viene contaminata da sonorità acid jazz accentuate dall’uso dei fiati, un brano elegante che marca a super hit da club.

Ci spostiamo con Gyal Dem verso sonorità jungle: ritmi frenetici e una bassline prepotente, echi dub, delay e riverberi fortemente accentuati e voci campionate per coinvolgere il movimento in pista. Se inTell Me si sentono le influenze hip hop, caratterizzata da un suono più morbido e liquid,con Watcha ritorna la matrice jungle e con essa l’aggressività di una ritmica spinta e dai synth alieni.

L’Ep si conclude con una traccia avvincente a 160 bpm, ricca di pattern di batteria mutevoli, stiamo parlando del remix di Lost firmato dalla leggendadel footwork DJ Spinn,che ha tutta l’aria di un passaggio di testimone.

I BNDT72 riportano ai giorni nostri un genere di nicchia, lo condiscono di freschezza e personalità, rendendolo moderno e piacevole. Un Ep ricco di influenze ma che resta coerente e fruibile, senza stancare per tutta la sua durata.




Logo con lettering sfondo trasparente radioaktiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere le nostre rubriche e tutti gli aggiornamenti sulle nuove uscite discografiche su base mensile.

Iscrizione riuscita!