Wrongonyou canta in italiano e lo fa davvero bene

Siamo stati al release party del primo album in italiano di Wrongonyou in uscita il 18 ottobre per l’etichetta Carosello Records ed è stato bellissimo. 

Milano parla piano, così si intitola il nuovo lavoro discografico, è una richiesta che il cantautore fa a quella che da un anno è la sua città. Un album intimista, introspettivo, dalle note calde e dai rimandi al vecchio cantautorato italiano, con un sound all’avanguardia e attuale più che mai, con sonorità elettroniche su testi in italiano. 

Wrongonyou all’interno di questa avventura si racconta, si spoglia di tutte le sue armature, e prova a raccontare quello che sente, ma soprattutto quello che vive, in una città chiassosa, ma non caotica, come ci tiene a sottolineare. Una sfida che accetta con coraggio e che lo porta a comunicare le sue storie senza alcun tipo di filtro e senza schermi.  

Milano parla piano è immaginifico, pieno di rimandi, di immagini, di situazioni, di amore dove Milano fa da sfondo e da musa e la si ritrova in toto nella copertina del disco.

Una sera autunnale, un locale accogliente, un mini set in acustico e una mostra di grafiche che raffigurano il cantautore come protagonista. Wrongonyou presenta il suo album con entusiasmo, facendo tre pezzi del disco, l’atmosfera è calda e la presa bene è doverosa. I ritornelli che entrano subito in testa e la poeticità di un titolo che rimanda alla scrittura di Gino Paoli. Una sfida con se stesso, una sfida che possiamo dire sia stata superata. 

Da oggi Milano parla piano è anche un po’ nostro, in attesa del tour, che inizierà a novembre, lo ascoltiamo su Spotify.